INFO TARI

FAQ sulla nuova tariffa rifiuti (TARI)
 
 
Di seguito una serie di “Faq” – domande e risposte – che aiutano a conoscere meglio il nuovo sistema di pagamento del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti”. Gli uffici Tributi  (tributi@comune.seveso.mb.it) ed Ecologia (ecologia@comune.seveso.mb.it)  rimangono a disposizione per qualsiasi ulteriore chiarimento.
 
 
Che cos’è la nuova tariffa rifiuti?
E’ una nuova tariffa, prevista dalla legge nazionale, che copre unicamente il costo di gestione dei rifiuti, al 100% (raccolta, trattamento, smaltimento, gestione dell’isola ecologica, spazzamento strade ecc.). E’ suddivisa in due parti: una quota fissa che copre i servizi base e una variabile legata alla produzione di sacchi blu con microchip.  
 
Perchè è stata introdotta la nuova tariffa rifiuti?
La nuova tariffa è più equa perché legata alla reale produzione dei rifiuti. E’ stata introdotta per differenziare di più e meglio, ridurre la produzione di rifiuti e quindi tutelare l’ambiente premiando chi è più attento nella differenziazione. 
 
Con la nuova tariffa pagherò di più?
Per le utenze domestiche, per quest’anno, la variazione potrebbe essere indicativamente intorno al 5% in più o in meno  a seconda dei propri comportamenti. E’ un primo passo per raggiungere obiettivi migliori. Il meccanismo di calcolo della nuova TARI è strutturato per far sì che chi è attento alla raccolta differenziata in totale non paghi di più rispetto allo scorso anno e chi è molto virtuoso abbia un risparmio. 
 
Ho ricevuto la bolletta di maggio 2017, questo significa che pagherò di più perchè oltre a quello devo pagare per ogni sacco blu che produco?
Per i cittadini la bolletta ricevuta a maggio è inferiore di circa il 10%, a seconda delle categorie, rispetto al totale della TARI ricevuta lo scorso anno. La parte variabile, che si paga con numero di sacchi a fine anno, si somma alla parte fissa e il totale può essere uguale, inferiore o superiore a seconda dei propri comportamenti nella raccolta differenziata. 
 
Come è calcolata la tassa? 
Nella versione attuale della tariffa, è stato mantenuto il criterio dei metri quadri e dei componenti del nucleo familiare per il calcolo della parte fissa, per partire in modo graduale e valutare le eventuali criticità. 
 
Dove posso ritirare i sacchi blu?
I distributori automatici di sacchi blu si trovano:
- Presso il Centro visite del Bosco delle Querce (via Ada Negri, da fine marzo a fine ottobre il parco è aperto tutti i giorni, nei mesi invernali dalle 7.00 alle 12.30 dal lunedì al venerdì dall’ingresso di via Ada Negri e il sabato e la domenica da tutti gli ingressi; gli orari di apertura sono disponibili sul sito www.boscodellequerce.it)
- nell’androne del palazzo comunale (di fronte all’Ufficio Anagrafe) in viale Vittorio Veneto 3 (aperto dal lunedì al venerdì dalle 6.30 alle 19.30, al sabato dalle 6.30 alle 14.30).
 
Cosa posso fare se non funziona il distributore?
E’ necessario segnalare il guasto al numero verde di GELSIA 800 445 964, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.00 e il sabato dalle 8.30 alle 13.00.
 
Posso utilizzare i sacchi blu di un mio parente o di un mio amico?
I sacchi blu non possono essere in nessun caso ceduti o consegnati a terzi perchè sono legati all’intestatario TARI. Perciò devono essere ritirati presso i distributori del Comune di Seveso con la Carta Regionale dei Servizi dell’intestatario TARI, negli orari di apertura previsti, e utilizzati esclusivamente dall’utente intestatario e dal suo nucleo familiare. 
 
Pago € 2,30 per ogni sacco che ritiro al distributore?
No. Si paga il sacco solo quando viene esposto, il veicolo che li raccoglie è dotato di un‘antenna che legge il chip contenuto nel sacco. I sacchi si pagano nella bolletta relativa alla parte variabile, a fine anno. 
 
Quando pago?
A maggio 2017 gli utenti hanno ricevuto la bolletta per pagare la parte fissa della tariffa. A fine anno riceveranno una nuova bolletta relativa al numero dei sacchi blu esposti da maggio ad ottobre. I sacchi esposti tra novembre e dicembre verranno conteggiati nella bolletta che sarà inviata nel 2018.
 
Cosa succede se non espongo nessun sacco blu?
Il Comune di Seveso eseguirà periodicamente dei controlli sulle utenze la cui produzione di sacchi blu risulti pari a zero. Agli utenti interessati sarà inoltrata, a mezzo lettera raccomandata A/R, la dichiarazione giustificativa di produzione uguale a zero con obbligo di risposta da parte dell’utente entro 60 gg. 
In caso di mancata restituzione si procederà all’applicazione di una penalità di € 100,00 per le utenze domestiche e € 200,00 per le utenze non  domestiche.
- Le giustificazioni ricevute dagli utenti saranno analizzate dal Comune, che potrà applicare, per le utenze domestiche una sanzione di € 200,00 e per le utenze non domestiche la sanzione di € 400,00.
- Qualora la produzione zero sia riferibile all’utilizzo di sacchi non assegnati all’intestatario, sarà applicata la produzione media di sacchi della categoria, come specificato all’art. 18 comma 3 del REGOLAMENTO PER L’APPLICAZIONE DELLA TARI A MISURA (qui per i documenti)
 
Pago per le altre frazioni esposte (umido, carta e cartone, vetro, plastica)?
Il costo del servizio di ritiro delle frazioni riciclabili esposte (umido, carta e cartone, vetro, plastica) è compreso nella parte fissa della tariffa. Più differenzi, e meno sacchi blu produci, più avrai un risparmio sulla parte variabile della tariffa.
 
Posso portare i miei rifiuti indifferenziati alla piattaforma ecologica?
No. I tuoi rifiuti indifferenziati devono essere raccolti esclusivamente nei sacchi blu ritirati porta a porta. Per conoscere la tipologia di rifiuti ritirati in piattaforma consulta il volantino di Gelsia Ambiente qui.
 
Sono intestatario di una ditta (utenza non domestica), cosa succede nel mio caso?
- Per le ditte c’è stato un riequilibrio dei coefficienti della TARI, con adeguamento delle tariffe  a quelle dei comuni limitrofi. Possono verificarsi quindi degli aumenti rispetto all’anno passato, soprattutto se non si differenziano i rifiuti e si producono molti sacchi blu. Occorre tenere presente che, la bolletta ricevuta a maggio include un certo numero di sacchi  blu compresi nella parte fissa, legato alla propria categoria e alla superficie, come da tabella sotto riportata. 
 
La lettiera del gatto o di altri animali domestici va solo nel sacco blu?
- No. Se si tratta di  lettiera naturale, cioè minerale o vegetale (argilla, cartone pressato, legno, …) può essere conferita con il rifiuto organico. Se si tratta invece di lettiera  non naturale, può essere conferita nel sacco blu. 
 
Come pensate di risolvere il problema di chi conferisce pannolini/oni?
E’ in corso di attivazione un servizio dedicato di ritiro di pannolini e pannoloni mediante un sacco non a pagamento, di colore diverso dai sacchi blu, non dotato di chip. Una volta attivato il servizio sarà data comunicazione sulla modalità di richiesta da parte delle utenze che ne abbiano titolo.
 
Se mi hanno consegnato sacchi blu nuovi cosa devo fare dei vecchi già in mio possesso?
GELSIA ha effettuato una campagna porta a porta di consegna di nuovi sacchi in alcuni casi specifici. Se non restituiti direttamente all’operatore di GELSIA, i sacchi vecchi devono essere riconsegnati presso l’Ufficio Ecologia. 
 
E’ possibile avere un sacco blu più piccolo?
E’ in corso di definizione con GELSIA la possibilità di ritirare anche sacchi di volume più piccolo, e quindi con un costo inferiore. 
 
Come posso sapere se un rifiuto è differenziabile oppure no?
Consultando il “dove lo butto” sul sito di Gelsia, in corso di aggiornamento (qui).

ALLEGATI